” sono ottimista ….volere e’ potere “

12188905_158051474546279_5657812432361687643_n Rosaria, 33 anni, Educatrice
Da dove vieni?
Vengo da un paesino in provincia di Messina che si chiama Villafranca Tirrena. Non e’ sicuramente uno dei posti piú conosciuti della Sicilia, prova ad immaginarti ogni mattina di poter far colazione nel terrazzo di casa tua con una meravigliosa vista sul mare ,le Eolie, tutto questo accompagnato da una granita di caffe “ sommersa “ dalla panna ed una brioche… non so se mi spiego…e poi c’ e’ la mia famiglia, ragion per cui per me rimarrà sempre il paese piú bello del mondo.

Perché sei a Colonia? Come ci sei arrivata?
In Italia ho vissuto inizialmente a Bologna, citta’ in cui ho studiato e lavorato per cooperative sociali sempre con contratti a progetto, dopo mi sono trasferita a Milano, ho lavorato per tre anni in una residenza sanitaria per persone diversamente abili , le condizioni lavorative non erano il massimo, non mi sentivo piú soddisfatta, cosi’ decisi di fare le valigie e partire. Inizialmente Berlino, perche’..sinceramente cosi’ un po’ a caso… dopo poco mi chiamarono per un colloquio in un asilo italo tedesco a Colonia che ando’ bene, cosi ho rifatto le valigie e sono arrivata a Colonia.

Quali sono state le tue sensazioni iniziali ?
Sai quando arrivi in un posto nuovo non e’ mai facile, io poi sto sempre un po’ prima di ambientarmi, non conosci nessuno, non ti puoi esprimere al meglio per via della lingua, non capisci cosa ti dicono e nessuno ti capisce…insomma non e’ semplice, anche se a Colonia mi sono quasi subito sentita a mio agio, i tedeschi sono molto carini e cercano di aiutarti, spesso molto piu’ di alcuni italiani che vivono in Germania da anni. Diverse volte ho pensato di andare via e tornare in Italia, i momenti di sconforto capitano, invece e’ passato un anno e mezzo e sono ancora qui, felice di essere rimasta.

E’ cambiato qualcosa dal tuo arrivo? Come ti trovi adesso?
Certo! Fortunatamente tutto e’ sempre in continuo movimento e cambiamento. Al momento sono molto serena, sto dedicando molto tempo alla studio del tedesco, frequento il corso di integrazione e ogni tanto faccio la Babysitter, ho fatto nuove conoscenze, ho due coinquilini meravigliosi che considero la mia seconda famiglia, le mie ex colleghe e altri amici…del resto, il viaggio in questa vita non avrebbe alcun significato se non lo fai con le persone giuste accanto, con le quali condividere un po’ della tua, delle tue passioni…dei tuoi sogni.

Hai progetti per il tuo futuro?
Chiaro! Di progetti ne ho diversi…sicuramente devo sempre studiare il tedesco e migliorare sempre di piu’, in seguito vorrei’ occuparmi di progetti che riguardano l’ inserimento nella società di persone con problemi; progetti per bambini e giovani diversamente abili…e’ quello di cui mi occupavo in Italia e qui per via della lingua ancora non posso fare, ma sono ottimista ….volere e’ potere. E Poi mi piacerebbe avere una famiglia..

Racconta la tua Colonia, descrivila
E come si fa a descriverla….ci provo. Non so se ti e’ mai capitato, hai presente quando vedi una persona per la prima volta, non sai nulla di lei, per uno strano motivo ti entra in testa e continui a pensarla, ci sono quelle persone che a pelle non ti trasmettono nulla e che probabilmente non ti trasmetteranno mai nulla né ti staranno mai particolarmente simpatiche e quelle invece che nonostante sia la prima volta che le vedi e nonostante tu non conosca nulla di loro, per un motivo che non riesci neanche tu bene a comprendere ti trasmettono quel non so che….. che fa la differenza, qualcosa di particolare che non si riesce ad esprimere con le parole…qualsiasi parola sarebbe superflua…ecco il mio approccio iniziale con le citta’ e’come quello con le persone, o le amo da subito o le odio. E in questo caso e’ stato cosi’ quando ho messo il primo piede a Colonia, me lo ricordo come se fosse stato ieri…ero venuta la prima volta per un colloquio di lavoro nella Südstadt e me ne innamorai’ all’instante, camminavo per strada felice e emozionata e meravigliata come un bambino e quando me ne andai via continuavo a pensarci e non vedevo l’ora di ritornare, si respira un’aria molto positiva, magica, e’ una città vivace..e una cosa che mi piace molto e’ che nonostante sia una citta’ grande, e’ comunque a misura d’uomo, ti permette di essere a tuo agio e ad esprimerti come meglio credi. A me piace proprio tutto di questa citta’, le persone…il cibo e sinceramente anche il clima…

Pensi di rimanere ?
Per il momento si. Poi chissà…

Facebooktwitterredditpinterestmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.